Diego Fusaro, Segre, una commissione finalizzata alla censura politica

Diego Fusaro, noto saggista e opinionista italiano dice la sua sulla “commissione Segre”.

“Credo che sia chiaro come il sole. La “mozione Segre”, passata in questi giorni, non è – come pure si dice – una “commissione sull’antisemitismo”. È, au contraire, una commissione finalizzata alla censura politica. Con il pretesto del contrasto all’antisemitismo, si avrà adesso il potere di chiedere la censura in rete delle idee non allineate, non gradite, non conformi con il pensiero unico politicamente corretto ed eticamente corrotto. È, dunque, giunto il tempo del Ministero della Verità di cui scriveva Giorgio Orwell. Gli attacchi antisemiti contro Liliana Segre sono pari, quanto a disgusto, solo alla strumentalizzazione di Liliana Segre fatta dai padroni del discorso per porre fuori legge come “istigazione all’odio” ogni forma di dissenso rispetto al totalitarismo liberale. Ma davvero v’è qualcuno di così stolto da non aver capito che la questione di Liliana Segre – a cui va tutta la nostra solidarietà – è una vile strumentalizzazione del totalitarismo arcobaleno per criminalizzare il dissenso e la lotta contro l’ordine esistente? Siete così sciocchi da non avere inteso che in astratto si vuole punire l’odio razziale – che già è giustamente punito dalla legge – e in concreto si vuole delegittimare il dissenso, la lotta di classe e il sacrosanto odio verso i padroni? La storia si ripete, ma come farsa. La censura nazista nera torna oggi come censura fucsia e arcobaleno, che in nome della lotta al nazismo ne continua la folle logica.”

Diego Fusaro

Possiamo aggiungere che questa commissione, proposta dalla Boldrini due legislature fa, è il palese tentativo di mettere un bavaglio a tutti coloro che non la pensano come la sinistra. Un chiaro attentato alla democrazia e alla libertà di pensiero nonché dell’art. 21 della Costituzione Italiana.

MacerataDoc

🔴 Commissione contro il “linguaggio d’odio”?Ecco la verità che non vi dicono ⤵️⤵️⤵️

Pubblicato da Fratelli d'Italia Senato su Giovedì 31 ottobre 2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.